Icona telefono

0432 634145

Icona email

+39 349 1602583

CIPPATO

Scopri cosa facciamo

Icona macchina fatografica

CHE COS'È IL CIPPATO?

Il cippato (vedi foto cliccando l'icona) è legno prodotto a partire da tronchi o ramaglie ridotto in scaglie di dimensioni variabili da 2x2 cm a circa 10x10 cm grazie alla cippatrice. Esso può essere utilizzato sia come combustibile che come materia prima per processi naturali o industriali.
Il cippato può essere prodotto da scarti di lavorazioni agricole e forestali o da colture dedicate (short rotation). Esso può essere utilizzato sia per la generazione elettrica in centrali a biomassa, sia per produrre calore, ma anche in forma combinata in impianti di cogenerazione.
Può alimentare sia impianti di piccola taglia (pochi kW) che grandi impianti (fino all’ordine di diversi MW).
Inoltre, data la sua origine biologica, se non contaminato può essere un ottimo elemento economico e naturale per orti, terreni agricoli, giardini e per produrre compost.

Icona grafici

PERCHÈ SCEGLIERE IL CIPPATO?

Come si può vedere dai grafici visibili cliccando sull'icona sovrastante, il cippato è la fonte di energia e calore in assoluto più conveniente a MWH. Inoltre, come si può notare dal grafico sull’andamento del costo dell’energia primaria, dal 2000 in poi il cippato ha mantenuto il suo basso valore di costo, mentre altri combustibili, come il GPL, hanno addirittura avuto incrementi di più del 100%.

×

IMMAGINI DI CIPPATO

×

GRAFICI SUL COSTO DELL'ENERGIA PRIMARIA

CLASSE A1
CLASSE A2

CIPPATO A1

Origine e fonte: Piante intere senza radici, tronchi, residui legnosi non trattati chimicamente e residui da taglio e sramatura.
Contenuto idrico (M): M10 < 10% – M25 < 25%
Cenere (A): A1.0 < 1,0% sul secco
Densità dello sfuso (BD - kg/m³): BD150 ≥ 150 – BD200 ≥ 200

CIPPATO A2

Origine e fonte: Piante intere senza radici, tronchi, residui legnosi non trattati chimicamente e residui da taglio e sramatura.
Contenuto idrico (M): M35 < 35%
Cenere (A): A1.5 < 1,5% sul secco
Densità dello sfuso (BD - kg/m³): BD150 ≥ 150 – BD200 ≥ 200

CLASSE B1

CIPPATO B1

Origine e fonte: Legno da esbosco, coltivazioni a ciclo breve e altro legno vergine.
Contenuto idrico (M): Da dichiarare
Cenere (A): A3.0 < 3,0% sul secco
Densità dello sfuso (BD - kg/m³): Da dichiarare.

CLASSE B2

CIPPATO B2

Origine e fonte: Sottoprodotti e residui della prima lavorazione del legno.
Contenuto idrico (M): Da dichiarare
Cenere (A): A3.0 < 3,0% sul secco
Densità dello sfuso (BD - kg/m³): Da dichiarare.

PERCHÈ È MEGLIO IL CIPPATO ASCIUTTO?

COSTA DI PIÙ COMPRARE IL CIPPATO A 120 €/t OPPURE A 140 €/t?

La domanda sembra avere una risposta scontata in quanto viene naturale pensare che se lo paghi di meno a tonnellata ti costa di meno.
Tuttavia la realtà è che se il cippato è più asciutto rende di più e, quindi, produce più MWh (megawattora).
Dunque, oltre al prezzo a tonnellata, c’è un’altra variabile fondamentale che ti indica l’effettiva convenienza: il contenuto idrico.
Qui sotto possiamo trovare un caso in cui conviene acquistare un cippato più caro ma più asciutto.

Prezzo Contenuto idrico(M) Rendimento Costo/MWh Risultato
100 €/t 40% 2,81 MWh/t € 35,57 NON CONVENIENTE
115 €/t 25% 3,68 MWh/t € 31,22 CONVENIENTE

P.S.: Oltre al fatto economico conviene acquistare cippato di basso contenuto idrico anche perché il cippato umido ha più probabilità di creare problemi di manutenzione agli impianti.

CONTATTACI